Vai al contenuto

SALUTE E SALVEZZA

“Gente del mio tempo, chi ti ha convinta che quando c’è la salute c’è tutto, se per l’ossessione di custodire la salute ti privi di tutto?” L’incipit dell’omelia di Epifania di un vescovo mi fa sobbalzare. Non bastano dunque i luoghi comuni immancabilmente ripetuti, a salvarci la vita. Incalza il nostro: “Chi ti ha persuasa che la generosità sia un azzardo, che la compassione una debolezza, l’amore sia un pericolo, la promessa che si impegna per sempre una imprudenza? Gente del mio tempo perché te ne stai a testa bassa a compiangere la tua situazione?”

Che cosa dunque ci fa rialzare la testa; che cosa, oltre la salute, ci è necessario per tornare a vivere? Vedo le chiese ancora ridestarsi col canto, ancora le famiglie raccontano storie di una fede gioiosa. A Natale, arrivano foto di fratellini che in casa impersonano il presepio vivente, con l'aggiunta dei pupazzi a rappresentare il bue e l'asinello. Il pianto per la perdita di una persona cara incontra la consolazione di una grande memoria di fede e di carità. Dallo schermo della tv appare la figura della vispa ragazzina che alla schiera di amici in pianto per la morte di Filippo Neri grida: "Filippo è vivo. Filippo è vivo: in Paradiso!", e corre per scale e cortili coinvolgendo tutti a cantare: "Preferisco il paradiso".

Non s’è interrotto il fiume di carità che dona lavoro e tempo libero, cibo e denaro, a persone vicine e persone sconosciute. Grazia più grande è guardare e amare, essere guardati e amati senza condizioni, come si scopre in testimonianze di accoglienza e adozione, e come affiora nei racconti di insegnanti, cappellani degli ospedali e delle carceri, e di missionari che diffondono la medicina della fede. Negli intrecci parentali e per le vie virtuali fiorisce la grazia dell’amicizia, dell’attenzione e della cura gli uni verso gli altri, e nella comunità cristiana la preghiera si allarga ad accompagnare e coinvolgere vicini e lontani. Il senso della vita si apre a un orizzonte che supera la chiusura dell’egoismo e della solitudine.

Stiamo imparando cose che credevamo di sapere. Le vicende di ogni giornata scorrono di fronte a Gesù. Nella piccola comunità convocata il flusso della parola che attualizza i fatti della sua vita, l'offerta del pane e del vino che ripresenta il suo sacrificio e la sua resurrezione, consolano e correggono. "Che cos'è l'uomo perché te ne curi?" domanda il salmo. Dio è all'opera dentro le nostre fatiche e tragedie, e continua a far germogliare nuove piante dal seme che muore. Il Signore della vita ci guarda come perla preziosa, campo del suo tesoro. Ci guarda e ci salva.

IL MIO TE DEUM dell’ANNO 2020

Arriviamo al TE DEUM dell’ultimo giorno dell’anno, che tira le somme e dice un giudizio vero su quanto abbiamo vissuto. Per che cosa lodare e ringraziare? Il cuore è stretto dalle notizie su chi - anche tra amici e conoscenti - è morto a causa del virus, e di tanti altri, malati o appesantiti dalle conseguenze del Covid. Tutti siamo bloccati in una "mezza" vita, per una serie infinita di limitazioni, e afferrati dalla paura. Basta incontrare qualche amico medico o insegnante o impiegato nel turismo o in altre attività, per capire quanto la situazione è drammatica per tutti. Tanta gente è arrivata alla soglia della povertà. Per non parlare di come va la nostra bella Italia e con essa il mondo. Quale Te Deum possiamo cantare? Ci sentiamo sfiorare da un'ombra di sconforto, come mi è capitato di sperimentare nei pochi giorni di quarantena a causa di un contatto con persone 'positive' .
Eppure, dentro tutto questo dramma, mi trovo il cuore pieno di gratitudine. Prima di tutto per la marea di dedizione e di intraprendenza che questa situazione ha provocato. Mi colpiva la lettura del diario del prete spagnolo che ha lasciato l'insegnamento per andare in corsia. Quanti preti, medici, infermieri, persone di diverse professioni o semplici volontari, si sono mosse con generosità e responsabilità.
Personalmente, pur vivendo isolato e limitato come tutti, non mi sono mancate la compagnia e l'assistenza delle persone. Anche attraverso le occasioni offerte da tv e internet. Anch'io ogni mattina stavo davanti alla tv per la messa del Papa alle 7, ed era ogni volta un raddrizzamento della giornata. Ho scoperto le possibilità dello zoom per collegamenti nei quali ho pregato insieme, ho ascoltato testimonianze semplici e straordinarie, ho continuato quel formidabile percorso di fede che è la scuola di comunità con amici e con collegamenti più estesi; ho condiviso i ritiri mensili con i preti diocesani e con gruppi di religiose. Tutte occasioni per riconoscere che Gesù viene a farci compagnia e ci ripete parole di liberazione. Durante l'estate ho goduto di una inaspettata vacanza con famiglie, sorprendendomi della bellezza della fede sperimentata anche in condizioni difficili e dolorose, e testimoniata da due genitori che raccontavano della vocazione sacerdotale di un figlio. Mi hanno molto accompagnato tre libri: il racconto della prigionia di Van Thuan, la riflessione di don Julian Carron che riposiziona l'anima rispetto alla pandemia, e l'esperienza dell'ateo Azurmendi, che si trova la vita ribaltata dall'incontro con le fraternità cristiane della Spagna. La misericordia di Dio non ci abbandona e ci fa ricominciare ogni giorno, stupiti per il dono della vita, Il dono della fede conduce a imparare dalla propria fragilità, e regge l’urto del tempo e delle circostanze anche in questo strano 2020.
Come non ringraziare e lodare con un grande Te Deum? Dentro al cuore, un desiderio: che la grazia in azione nella mia vita e in quella di tante altre persone, possa estendersi e diventare speranza ed energia per tanti altri. Per tutto il mondo, durante la pandemia e nel tempo che seguirà.

don Angelo

PERCHE’ VIENE ?

Le paratie del Mose rimangono abbassate e l’alta marea torna a invadere la città, provocando i consueti malanni; un qualsiasi inconveniente è venuto a sconvolge le previsioni. Come per tante cose nella vita: mai che si possa essere garantiti completamente. Stiamo attendendo il vaccino antivirus, ma niente ci assicura al cento per cento. Le nostre case sicure non ci bastano, le nostre barriere con ci proteggono mai del tutto, i provvedimenti salva-stato, salva-persone, salva-tutto non sono mai adeguati e non arrivano mai puntuali. Come il salmista, ci troviamo a dire: “Da dove mi verrà l’aiuto?”. Scienza e medicina ci hanno liberato da tante malattie; tutta una serie di precauzioni ci permettono di scendere in strada tranquilli; dominiamo il caldo e il freddo, eppure ad ogni folata di vento ci sentiamo insicuri. Fragili come le mascherine, provvisori come il gel spalmato sulle mani. E’ sempre più grande il nostro bisogno, incolmabile il nostro desiderio. Come fossimo fatti secondo lo stampo di un’orma infinita. E tuttavia trafitti da una ferita, tagliati da una fessura che arriva all’anima. Esiste una salvezza capace di valicare incertezze, superare le paure, rassicurare la vita? Noi che teniamo lontana la figura della morte, e sempre rimaniamo sorpresi all’annuncio di amici e conoscenti che se ne vanno...                     Ci vorrebbe un Dio, a sanare tutto. S’è mosso il Dio del cielo, il Padre che vede i figli remare nella tempesta. Visto che c’era, non poteva toglierci tutti gli impicci, fare alzare il Mose nel tempo giusto, spazzare via il virus, guarirci dalle malattie, risolvere gli inganni, buttare all’aria gli strampalati oroscopi di tv e giornali? Invece no. Dio ci lascia nel gioco della libertà. E cosa fa? Originale! Viene a vivere a casa nostra, in questo mondo! Risana un lebbroso di qua e un cieco di là, provvede il vino agli sposi e il pane a cinquemila persone, blocca una tempesta e guarda gli uccellini del cielo. Potrebbe correre in ogni angolo della terra ad aggiustare tutto. Non l’ha fatto e non lo fa. Invece va fino in fondo con la sua vita. Come dice San Bernardo: "Venne, colui che poteva accontentarsi di aiutarci" Nasce bambino e cresce ragazzo, giovane, uomo. Lavora, cammina, guarda, incontra, chiama, parla, perdona, ama. Gioisce per la vicinanza degli amici, subisce il loro tradimento e quello del popolo. Patisce un immenso strazio fisico. Muore. Tutto finito? Eccolo risorto! Da quel giorno e per sempre, Egli è presente qui ed ora. Il Natale del Figlio di Dio è ancora una sorpresa per uomini con cuore di bambini e mente libera.

In cerchio nel piccolo crocchio, i bambini sbuffano: “Quest’anno non arriveranno i regali di Natale. Non ci troveremo con i nonni. Non andiamo a sciare…”. Risuona l’eco dell’ondata di lamentele spruzzate in continuazione dagli schermi di tv e computer, dai discorsi in casa e dalle battute in strada. Una bimbetta, non battezzata ma attratta dal catechismo, sbotta davanti agli amichetti: “Lui (Gesù) nasce lo stesso!". E aggiunge, superando il livello della sua età: 'È l'essenziale!'.

Fra le traversie alle quali sono sottoposti i ragazzi in tempo di coronavirus, non ultima è la difficoltà circa la preparazione ai sacramenti e la loro celebrazione. Le parrocchie dispongono le celebrazioni a piccoli gruppi in turni diversi, che permettono anche di recuperare quanti saltano il proprio turno a motivo della quarantena. Il sacramento viene celebrato in una liturgia semplice e bella, questa volta anche con i canti della tradizione, come il Veni Creator. Ed ecco, uscendo di chiesa, un ragazzino correre ad abbracciare la nonna: “Nonna, sono molto contento; se divento papa voglio chiamarmi Carlo. Posso chiamarmi papa Carlo?” “Penso di sì – risponde stralunata la donna – Non ricordo nessun papa con questo nome, ma anche papa Francesco ha scelto un nome che nessun papa aveva prima di lui”. “Sai – dice il ragazzo – quando ho ricevuto l’Eucaristia ho sentito proprio che Gesù era in me, era proprio quello che succedeva a Carlo Acutis. Per questo sceglierei il nome papa Carlo”. “Beh, prima devi diventare sacerdote …e dopo chissà!”. I bimbi hanno ragione, e danno ragione a Gesù, per il quale i piccoli, con i loro angeli, vedono la faccia di Dio.  E i grandi? Cos’è il Natale per noi? Cos’è l’Eucaristia, che non ci rassegniamo a ‘vedere’ da remoto, ma desideriamo vivere in presenza? I bambini mostrano com’è semplice accorgersi della presenza di Gesù, ineluttabile come un grande amore, inaspettata come la sua nascita in un luogo preciso dentro la storia. E’ bello guardare il vangelo con i loro occhi. Il cuore sussulta per una notizia incredibile: un bambino ha il volto di Dio. Insieme ci fermiamo a guardarlo, sorpresi di trovarlo con San Francesco a Gubbio e in tanti presepi, e di riconoscerlo nelle case e nelle chiese, come i pastori a Betlemme. Scopriamo la carità, la benevolenza, la pace, la misericordia, la vita, che fluiscono dalla capanna e percorrono le strade del mondo. Guardiamo Gesù con la stessa curiosità con la quale la gente lo seguiva, portandoci addosso lo stesso bisogno e la stessa domanda. Gesù che viene taglia le distanze, attraversa distrazioni e lamentele e ancora si fa incontrare dentro la nostra esperienza di vita: Lui nasce lo stesso. Natale è Natale


La strada dell’Avvento che percorriamo in quattro tappe, intercetta perfettamente la nostra attesa. Attendiamo un avvenimento nuovo, che ci liberi da paure e angosce che premono sul cuore. Non basterà il provvidenziale vaccino, che ci auguriamo tempestivo, sicuro e ben distribuito. Non basterà lo spritz in piazza, e neppure il caloroso incontro con parenti e amici, tanto desiderati e ricercati. A Natale attendiamo il Natale. Non un Natale vuoto, da usare come pretesto per altro: vacanza, gite, neve… Quello di cui abbiamo bisogno, è il Natale di Gesù: la sua presenza reale, la sua compagnia nella Chiesa, il suo calore in famiglia, la sua luce nel cuore. Vogliamo tornare a guardare Gesù, il Bambino del presepio che riempie le chiese e rasserena le case. Non un Bambino di gesso, pur bellissimo. Un incrocio di sguardi, come Pietro quando il fratello Andrea lo trascina da Gesù e il suo sguardo gli trapassa il cuore e gli cambia la vita. Lo sguardo di Gesù incrocia quello della samaritana al pozzo e lei, svelata nel suo desiderio senza misura, si precipita a gridare ai paesani la scoperta del Messia. Gli occhi dei bambini si incantano di fronte alla sua umile bellezza. Scopriamo il suo sguardo su di noi, cristiani appassiti e distratti, risvegliati dalla sua presenza. A Natale ci basterà essere cristiani, gente che non solo crede nel Dio dei cieli, ma lo riconosce Bambino a Betlemme, ragazzo a Nazaret, Maestro a Cafarnao, amico nelle strade della Palestina fino a Gerusalemme, e infine appeso in croce, morto e risorto. Vogliamo domandare lo sguardo di chi è davanti a Gesù mentre prega e lavora; mentre, sofferente nella malattia, lo domanda e lo ringrazia. Di chi può finalmente fermarsi accanto al letto di un parente malato in ospedale; di chi ama e gode delle cose della vita; di chi, negli impegni della giornata, porta in cuore la certezza di essere voluto, accolto, perdonato. Non vanno da Gesù gli uomini perfetti, ma quei poveracci dei pastori, e i magi che lo cercano da lontano. Non pretendiamo di arrivare a Natale carichi di preghiere, di mortificazioni e opere buone; cosa vale quello che portiamo, di fronte a quello che Lui è? Non pretendiamo di arrivare a Natale puri e non bisognosi della sua misericordia. Lui ci viene incontro per abbracciarci, come Zaccheo, come la donna di strada. Basterà il nostro sì, sull’onda dell’attrattiva che nei secoli ha cambiato il cuore delle persone nel modo di pensare, amare, vivere e sperare, e le ha rese sante. Camminiamo verso Natale con un desiderio forte, con un’attrattiva vincente.

angelo busetto

L'immagine riproduce il 'volantone' di Natale 2020  di Comunione e Liberazione

SE CAMBIA IL MESSALE….

Non saranno solo le luminarie, apparse con largo anticipo sulle strade, ad accompagnarci verso il Natale. Nè solo le sagge raccomandazioni o le minacciose previsioni riguardanti l’andamento del virus. Sul piede di partenza dell’Avvento, ecco scattare il nuovo Messale, il librone che accompagna la celebrazione dell’Eucaristia. Un po’ meno imponente di quello in uso da decenni, ma bello e pulito e senza pagine ormai sgualcite dall’uso. Celebrare l’eucaristia con il Messale nuovo nella prima domenica di Avvento, all’inizio dell’anno liturgico, potrà dare un po’ l’emozione del primo giorno di scuola elementare, con il sussidiario tutto nuovo. Le parole riprenderanno il loro corso come un’acqua vivace che rimbalza con spruzzi di novità: lo sguardo aperto a ‘fratelli e sorelle’, il Gloria cantato dagli ‘uomini amati dal Signore’, la rugiada dello Spirito Santo, fino alla rinnovata domanda del Padre nostro, per finire con lo slancio del congedo finale. Il Messale è un libro, e non prega da solo. Diventa vivo con il sacerdote che celebra, la comunità che partecipa, l’assemblea che canta, i gesti che uniscono. Di questi tempi, ci sentiamo tutti un po’ ingessati tra mascherine e posti distanziati. E tuttavia, vederci e sentirci ‘in presenza’ allieta il cuore e sostiene la speranza. Il Messale suggerisce le parole della preghiera, segna il ritmo del tempo sull’altalena delle stagioni e sul corrimano della vita di Gesù, e conduce tutta l’umana esistenza dentro il mistero di Dio. Lo sperimentiamo nel calendario dei santi antichi e nuovi, da Maria Maddalena dichiarata ‘apostola degli apostoli’, agli ultimi santi, papi, nuovi martiri, medici e donne di casa e ragazzi al computer. L’antico diventa nuovo, il nuovo germoglia dal passato, il presente si proietta nel futuro. Il Messale – con la buona compagnia del Lezionario - è un po’ la Bibbia attualizzata, è la storia della salvezza in azione. Dovremo fare attenzione a percorrerlo tutto, di stagione in stagione, di mese in mese, di settimana in settimana, di giorno in giorno. Senza scavalcare le parole o modificare i contenuti. Senza che il ‘turbamento’ della preghiera che segue il Padre nostro si banalizzi in ‘paura’, e senza che ‘i nostri peccati’ vengano attribuiti alla Chiesa, sposa santa e santificatrice. E via di seguito. Il contenuto del Messale è di più, e non va rimaneggiato con le nostre fantasie o modificato con le nostre invenzioni. Ci lasciamo accompagnare con umiltà e fiducia dentro il mistero di Dio che ci abbraccia con la vicenda umana del Figlio che si abbassa fino alla croce e si innalza fino al Padre. Mistero grande, dal Natale alla Pasqua, dal Messale alla vita.

STENDI LA MANO

Stendi la tua mano, stendete la mano, tante mani. Si prolunga l’invito fatto da Papa in occasione della giornata dei poveri. La mano che domanda e attende. La mano che porge e aiuta. Oggi che le mani non si aprono neppure per l’abbraccio di pace della Messa, è necessario porgere la mano attraverso vie virtuali. Certo, non si mangia e non si beve ‘virtualmente’ e occorre il prodigio della carità per trasformare il gesto virtuale in pane e companatico. E’ il cibo che corre per le vie dell’Emporio di carità, passando attraverso un cartellino. Quest’anno accadrà anche con la Colletta alimentare ai supermercati. Niente cartoni riempiti di alimenti di tutte le specie, ma una card per una spesa virtuale che ritornerà al Banco alimentare trasformata in cibo. E’ come il miracolo della moltiplicazione dei pani. Lì è bastata una parola, e quale parola, e i cinque pani sono diventati mille e mille. Qui saranno centinaia e migliaia di tagli da due euro, cinque, dieci. Come un esercito di Napoleone. Che c’entra Napoleone, il quale depredava le campagne, piuttosto che sfamare la gente? A un convegno pure ‘virtuale’, dove partecipa il cardinal Zuppi con altri illustri personaggi, sento dire: “Non aspettare di essere Napoleone…” Non aspettare di essere un grande personaggio, non aspettare di essere un potente, non aspettare di fare la grande impresa. Fai la piccola impresa di oggi, quella di porgere la tua mano. Quando tante mani si porgono a donare, diventa un esercito come quello di Napoleone, non per depredare, ma per raccogliere e distribuire. E’ il grande cuore della chiesa che si muove. La chiesa di popolo va oltre le sue mura. Vive nelle case, percorre le strade, entra negli androni delle stazioni. Quanta gente sta vicino a chi è debole, quanti sanno perdonare e donano un tempo della giornata, un sorriso e un atto di pazienza. La chiesa della carità si è mossa nei secoli, e ha costruito Cattedrali e lazzaretti. Offrendo spiccioli e monete, e anche la pelliccia, come ha fatto la ricca signora decaduta che non aveva nient’altro da offrire per contribuire alla cattedrale in costruzione. Bisogna costruire e ricostruire la cattedrale della vita, della società, della comunità, porgendo la mano e guardandosi in faccia. Lo sguardo giunge fino al cuore delle persone, come quando si dona l’Eucaristia. Anche allora si stende la mano: si dona Cristo e si dona a Cristo. La carità non ha confini e barriere, e tocca le dimensioni della terra e del cielo.

Due o tre generazioni fa si andava a ricevere l’eucaristia mettendosi in ginocchio alla balaustra del presbiterio. In seguito ci siamo incamminati in processione verso l’altare, e il sacerdote ci porgeva l’eucaristia sulla lingua; più tardi venne proposta la comunione sulla mano. E adesso? La novità non viene da una prescrizione liturgica ma da una scelta prudenziale riferita al tempo di pandemia. Adesso è il sacerdote che si incammina tra le file della navata della chiesa, offrendo l’eucaristia a ciascuno dei fedeli che restano in piedi qua e là sulle panche. Cristo ci viene incontro in modo nuovo. Qualcuno lo rileva: “Oggi per la prima volta ho ammirato questa realtà. Ho guardato veramente con stupore! Bellissimo vedere tutte quelle mani protese a mendicare Cristo. Affascinante ritrovare come lo sguardo dei presenti segue il sacerdote che percorrendo la navata della chiesa si avvicina a ciascuna persone e le porgendo il corpo di Cristo. Il desiderio di ciascuno si incrocia con il desiderio di Cristo di donarsi totalmente. Uomini e donne mendicanti di Cristo, non per dovere o per un precetto ma perché attratti da Lui, afferrati dalla Sua persona. Le mani si protendono in cerca di Lui, come tra la folla di duemila anni fa….”
Oggi come allora, possiamo immaginare la gioia di Cristo nel farsi vicino al cuore dell'uomo. Molti lo desiderano e lo domandano con trepidazione, letizia, sofferenza, bisogno; con un amore e una tenerezza indicibile che traspaiono sul volto, nonostante la mascherina. Osservando l’atteggiamento di qualcuno, nasce il desiderio di avere lo stesso sguardo e ugualmente quelle mani protese. Ancora Gesù viene incontro e si avvicina a chi domanda, e lo guarisce, peccatore o bisognoso, ricco o povero, donna o uomo, bambino o adulto. Non un gesto puramente rituale ma un incontro personale che ridesta consapevolezza e decisione.  Chi andiamo a incontrare? Chi oggi ci fa compagnia? Nel timore e nella solitudine di queste settimane non vogliamo restare privi di questa vicinanza, non ci rassegniamo a venire rubati di questo contatto in qualche modo fisico con il Signore.

Chi ci separerà dunque dall’amore di Cristo? Forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la pandemia? (Cfr Romani 8,35-39). Il segno eucaristico del pane è più del suo mantello toccato dalla donna che perdeva sangue; è più del pane moltiplicato e mangiato dalle cinquemila persone, è più delle gocce di sangue che cadevano dalla croce. Nuovamente e ancora più, anche oggi è di una nuova carezza del Nazareno che noi abbiamo bisogno.

don Angelo Busetto

 

OLTRE LA BANCHINA

Vedo gli operai lavorare per il ripristino della gradinata sulla riva della laguna, bianca di marmo e sopraelevata di un gradino. Tre giovani uomini la rifiniscono e la levigano piegandosi con cura su di essa come su un vestito da sposa. La sposa è quest’isola di sole e vento, che in tempo d’autunno si copre il viso con un velo di nebbia. Ma ecco improvvisamente appare il sole che la fa risplendere, riempiendola tutta di colori in movimento come l’acqua che ne bagna le rive entrando ed uscendo due volte al giorno dalle bocche dei porti. La nuova banchina di pietre rosse e di marmo disegna l’intera linea dell’isola sul fronte della laguna come l’ornamento di una collana, opponendo una salda protezione all’irrompere della tempesta.

Il mese di novembre porta in memoria la violenza del vento e dell’acqua e della tromba d’aria che invasero e sconvolsero l’isola l’anno scorso; e inoltre evoca i momenti terribili del novembre 1966 quando la forza del mare spaccava alcuni tratti della difesa dei murazzi, le ondate arrivavano a spruzzare i tetti delle case, e le acque di laguna e mare quasi si congiungevano nelle strade del paese. L’isola rimase e rimane, lunga serpentina di terra a difesa e protezione del miracolo della laguna e dello splendore di Venezia, con le difese a mare irrobustite, le case ripristinate e rimesse a nuovo, i collegamenti rinnovati e moltiplicati.

Oggi, nei giorni del coronavirus, la minaccia è diversa. Sembra venire dall’aria, entra nelle persone attraverso il respiro, come un vento cattivo. Quale banchina, quale murazzo ci difenderà? Basterà un tratto di mascherina che leviga il volto e appiattisce il naso delle persone? Tutti gli inviti alla prudenza e al rispetto delle precauzioni, sono come la banchina sulla laguna e il murazzo di fronte al mare: necessari eppure non sufficienti. Occorre un cuore che rimane vivo, vibrante di carità e acceso di speranza. Nei giorni della mareggiata la carità moveva le persone a superare diffidenze e separazioni, nell’aiuto e nella disponibilità reciproca; la speranza sosteneva il vigore del cuore e diventava preghiera di invocazione e supplica alla Madonna che vince il male, sulla scia dei tempi delle antiche pandemie e delle invasioni crudeli nella repubblica veneta. Uno sguardo alla terra e uno al cielo allarga l’orizzonte come nelle giornate di stravedamento, quando, dopo lo strazio del vento di tempesta, il profilo dei colli si staglia preciso oltre la laguna, e sul mare spicca netta la linea dell’orizzonte, come un invito a navigare oltre. Oltre la bellezza e la fatica del vivere, nel cielo aperto sopra di noi.

don Angelo

 

LA SORPRESA DEI SANTI

Arriva a sorpresa la festa dei Santi. Sbuca di domenica, senza il preavviso pubblicitario che negli ultimi anni la faceva competere con il macabro carnevale di Halloween. I santi sono gente di casa. Alcuni li abbiamo visti sbocciare tra noi e percorrere le nostre strade, nati dalla fede cristiana che attraversa la storia, semina vitalità, ripulisce dai mali e rilancia fede, carità e speranza. In questi tempi abbiamo bisogno dei santi? Alcuni di loro occupano l’immaginario collettivo cristiano, e li troviamo  raffigurati nelle case e nei portafogli delle persone. Eccone una schiera: Giovanni XXIII, Giovanni Paolo II, Padre Pio, Faustina Kowalska, e ora il Beato Marella e il Beato Carlo Acutis. Si agganciano ai Santi del passato, quelli che hanno vinto le pandemie, come Carlo Borromeo e Luigi Gonzaga, con un immenso contorno di seguaci. Aprono il nostro sguardo al cielo, sbaragliano la nebbia che ci chiude in noi stessi, lanciandoci oltre l’orizzonte. Noi, attaccati a questa vita, a questo lavoro, a questa casa, a questa poltrona - e l’anima sprofonda nell’imbuto della solitudine – veniamo spalancati all’eternità, invitati alla beatitudine, incamminati all’amore di Dio e dei fratelli. I santi che abitano in cielo nel cerchio della Trinità, ritornano in terra per innalzarci  lo sguardo fino a incrociare il volto di Dio.

Insieme con i santi dichiarati, la nostra gente continua ad avvertire la vicinanza di parenti e amici defunti, dopo averli sostenuti nella malattia e accompagnati con il Rosario e la Messa all’incontro col Padre. La ristrettezza liturgica dei mesi primaverili ha tagliato con una ferita il cuore di chi non ha potuto accompagnarli da vicino con una preghiera pubblica. Ma non si chiude l’orizzonte del cuore, e gli Angeli e i Santi continuano a salire e scendere per la scala di Giacobbe. Nella paura e nella diffidenza che ci chiudono nella prigione di noi stessi, non ci difendiamo appena con la doverosa obbedienza alle prescrizioni sanitarie. Arriva il calendario dei santi che supera la monotonia dei dibattiti televisivi. Arriva la sorpresa del Vangelo, che ogni giorno ce ne fa sperimentare la presenza buona. Arriva la cara memoria delle persone amate che ci guardano dal Paradiso. Dov’è la loro casa, la nostra casa? Risalendo dallo circuito del sospetto, andiamo incontro a una speranza più grande, sulla soglia di un cielo più profondo e luminoso di quello chiarito dal sole e disegnato dalle nuvole. Qui - è scritto nel diario di una persona che già ne sta facendo esperienza - saremo tutti una sola cosa, ci capiremo sempre, ci ameremo sempre.”