Vai al contenuto

IL MESSAGGERO

Gesù, che poteva fare tutto da solo, si è fatto precedere da Giovanni Battista, messaggero che gli preparava la via. Oggi i messaggeri possono essere tanti. Addirittura, c’è un fracasso di annunci e colori che mette in agitazione il mondo prima del Natale. Tutto questo, può ridestare l’attesa di Gesù, può richiamare il bisogno del Salvatore? Ci vorrebbe un amico – un messaggero! – per far guardare nella direzione giusta. E’ il compito che Gesù affida anche al ‘più piccolo’ dei suoi. ...continua a leggere "Giovedì 15 dicembre 2016 – Santa Maria Crocifissa di Rosa, 1813-1855"

OCCHI PER VEDERE
L’evangelista Luca riprende l’episodio riferito da Matteo domenica scorsa, con un’aggiunta: “In quello stesso momento Gesù guarì molti da malattie, da infermità, da spiriti cattivi e donò la vista a molti ciechi”. Anche noi abbiamo sotto gli occhi i miracoli che il Signore compie, nella vita nostra e degli altri. In situazioni pesanti o intrigate, vediamo fiorire il miracolo della carità e della letizia che nasce dalla fede. Apriamo occhi e cuore per riconoscerlo e per ringraziare. ...continua a leggere "Mercoledì 14 dicembre 2016, San Giovanni della Croce, 1542-1591"

QUALE CAMBIAMENTO

Dunque si può cambiare! Si può cambiare in meglio, come è accaduto ai peccatori che hanno incontrato Gesù. Proprio la loro condizione di peccato li ha indotti a riconoscere l’occasione di grazia che veniva loro incontro. La presunzione di giustizia ha invece chiuso il cuore ‘ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo’. E’ una grazia poter riconoscere il proprio bisogno di salvezza, aprendo la strada al pentimento che conduce ad affidarsi a Gesù. ...continua a leggere "Martedì 13 dicembre 2016 – Santa Lucia vergine e martire, anno 250"

IL MISTERO DI GESU’

C’è un mistero nascosto in Gesù: lo può riconoscere chi ha il cuore aperto. Anche i suoi avversari – sorpresi del suo insegnamento e della sua autorevolezza - intuiscono che Gesù è ‘inviato’, parla e agisce in nome di un altro. Chi segue sinceramente Gesù ne scopre l’origine divina e alla fine lo riconosce come Figlio del Padre e Dio Egli stesso. Nel Vangelo di Giovanni Gesù lo dirà espressamente. Intanto ci provoca a riconoscerlo attraverso parole e opere. ...continua a leggere "Lunedì 12 dicembre 2016 – Beata Vergine Maria di Guadalupe"

CHI ASPETTIAMO

Quale ‘Altro’ dobbiamo ancora aspettare? Non ci basta colui che è stato promesso, anzi, Colui che è già tra noi? I discepoli di Giovanni Battista poterono constatare i miracoli compiuti da Gesù e incontrare i miracolati. Noi, quali miracoli vediamo? I miracolo della fioritura di chi incontra il Signore; tornano a vedere coloro che avevano gli occhi chiusi sul senso della vita, camminano le persone bloccate ai punti di partenza. Chi incontra Cristo, cambia e si rinnova. Quante volte l’abbiamo constatato? ...continua a leggere "12 dicembre 2016 – Domenica Terza di Avvento"

PREANNUNCIO

Il monte dal quale Gesù scende con Pietro, Giacomo e Giovanni, è quello sul quale si è trasfigurato e dove ha raccomandato di ‘non parlare a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti’. Gli apostoli quindi hanno già ‘visto tutto’. Alcuni avevano anche riconosciuto in Giovanni Battista il profeta ‘che era venuto prima’. Occorre quindi aprire il cuore per riconoscere fatti e persone che preannunciano il Signore che viene nella nostra vita. ...continua a leggere "Sabato 10 dicembre 2016 – Madonna di Loreto"

LA VERITA’ DEI FATTI
Se n’è accorto anche Gesù: ci sono persone mai contente. Se non faceva miracoli, veniva disprezzato; se li faceva, era considerato indemoniato. Se piove è brutto; se è sole, fa caldo. Tuttavia, la realtà è tenace e alla fine ‘viene riconosciuta per le sue opere’: il bene viene riconosciuto come bene (e il male come male). Quando un’opera è giusta e vera, non mancherà di venire riconosciuta a suo tempo. Così è stato ed è, per Gesù e per noi. ...continua a leggere "Venerdì 9 dicembre 2016 Madonna di Loreto San Juan Diego Cuauhtlatoatzin, veggente di Guadalupe, 1474-1548"



LA POTENZA DI DIO E' SCESA SU UNA DONNA

Il ponte dell’Immacolata quest’anno è lunghissimo, da giovedì a domenica. I milanesi godono anche dell’anticipo di Sant’Ambrogio. Non sappiamo quante scuole o quanti uffici ne usufruiranno, né quante persone saliranno in montagna in cerca delle piste da sci o quante faranno il primo (o secondo?) viaggio all’estero dopo le vacanze estive. Certo le feste cristiane servono ancora, e il calendario liturgico è una buona pista di decollo.
Ma l’Immacolata, cosa c’entra? Cosa c’entra questa strana questione di una Donna concepita e nata ‘senza macchia’, senza quel ‘peccato originale’ che ci portiamo addosso tutti?
Il peccato originale è la cosa più riconoscibile. Anche se nessuna troupe televisiva era presente nel paradiso terrestre di Adamo ed Eva, noi tutti abbiamo visto innumerevoli volte il documentario del peccato originale. L’abbiamo individuato nei capricci dell’infante mai sazio del latte della mamma, nelle bizze del bimbetto che strappa i giocattoli, nelle furberie del ragazzino e nelle intemperanze dell’adolescente, nelle fantasie del giovane e nelle furbizie dell’adulto, e infine negli accomodamenti dell’anziano. Lasciamo perdere le questioni più grosse che vanno a scoprire fin la coda del diavolo. ...continua a leggere "La Festa dell’IMMACOLATA. Che cosa c’entra con noi."

L’UMANITA’ NUOVA

In quale momento si prende coscienza della propria identità e missione? La coscienza si risveglia nei fatti della vita e davanti all’interlocutore adeguato. Maria si trova davanti l’Angelo che la chiama con il suo vero ‘nome’ e le affida l’inaudita missione. Dio aveva preparato questa Donna nella profondità del suo mistero di amore, quando la sua Misericordia aveva deciso di non abbandonare l’umanità. Con Maria, nuova Eva uscita intatta dalle mani e dal cuore del Creatore, inizia la nuova era dell’umanità, ricreata in Cristo, nuovo Adamo. ...continua a leggere "Giovedì 8 dicembre 2016 IMMACOLATA CONCEZIONE della Beata Vergine MARIA"