Vai al contenuto

 

Quando cominciano? Sono cominciate. Nel pieno dell'estate, nella calura delle spiagge e nel mezzo della bellezza e confusione delle feste di paese, ecco spuntare l'attrattiva delle Olimpiadi in Brasile. La scontata avvisaglia degli scandali doping e conseguenti delusioni, e l'altalenante situazione politica del Brasile, con il massiccio contorno delle contestazioni, lasciano finalmente spazio alla meraviglia dei giochi. Per quanto si possa dire di tutto e di tutti a riguardo del mondo dello sport, con i suoi tentacoli nell’economia, nella corruzione, nell’arrivismo, quando spuntano gli atleti nel circuito dello stadio, o quando splendono le immagini delle corse, delle gare, dei tiri e dei lanci nell'arcobaleno dell'immensa fantasia realmente 'olimpica' dei giochi, allora tutto diventa una festa e la prima vittoria è quella dello sguardo e del cuore. ...continua a leggere "Olimpiadi: lo spettacolo del mondo"

I doni del Signore ci inseguono. Oggi la bellissima festa della Trasfigurazione. I giorni scorsi, belli a Pellestrina e in Cattedrale, anche ieri con la storia della Madonna dell’Apparizione e la musica. Molte persone che se ne accorgono e partecipano. Grazie, Gesù e Maria.

Don Angelo

L’ANTICIPO
Nel cammino della vita, Gesù non ci sostiene solo con la promessa del futuro, ma con un dono presente. Egli ci fa pregustare in anticipo la sua ‘gloria’, donandoci una esperienza di bellezza, di felicità, di compimento. E’ qualcosa che accade mentre viviamo: un avvenimento, un incontro, che ci permette di toccare con mano il realizzarsi delle parole del Signore. Può essere anche la percezione intensa di percorrere una strada buona, lungo la quale niente va perduto di quel che siamo e facciamo, e tutto è salvato dalla sua misericordia. ...continua a leggere "Sabato 6 agosto 2016 – TRASFIGURAZIONE del Signore"

IL DONO DELLA VITA
Non possediamo la vita, così come non ce la siamo data. La vita si consuma comunque e va verso la morte. Solo incrociando Gesù siamo condotti con lui dalla morte alla risurrezione: “Chi perde la propria vita per causa mia, la trova”. Quale timore dunque nel seguire Gesù dentro le circostanze della vita, nella fedeltà alla nostra vocazione, nel dono di noi stessi secondo quanto ci viene richiesto? La risposta di Gesù non arriva solo alla fine dei tempi, ma nella grazia e nella gioia di ogni giorno. ...continua a leggere "Venerdì 5 agosto 2016 – Dedicazione della Basilica di Santa Maria Maggiore"

FEDE E VITA
Il ripetersi di questo brano evangelico ci suggerisce che non basta dare la risposta di Pietro una volta per tutte. Occorre rinnovarla nelle circostanze della vita. Infatti non è un ‘teoria’ da conoscere e dichiarare, ma un rapporto esistenziale e una sequela. Gesù non va solo conosciuto ma seguito fin sulla via della croce fino alla risurrezione. Lo ricorda con la sua vita il Santo Curato d’Ars. Oggi lo ricorda anche la Madonna dell’Apparizione, che dall’isola di Pellestrina, esattamente da trecento anni, invita a pregare con la Messa, ‘se volemo avere vittoria’. ...continua a leggere "Giovedì 4 agosto 2016, San Giovanni Maria Vianney – Curato d’Ars, 1786-1859"

 

 

LA MOSSA DELLA PREGHIERA

Quante volte nel Vangelo Gesù ci dice di insistere a pregare? L’insistenza dice una necessità forte, non occasionale né superficiale. Dice anche una fiducia grande verso la persona alla quale ci si rivolge. Gesù ci vuole ben coinvolti in quello che domandiamo e vuole spingere in avanti la nostra fiducia. Nella preghiera si incontrano due cammini: Gesù verso di noi, e noi verso di Lui. Alla fine, il risultato non è solo il miracolo, ma la crescita della nostra fede e dell’attaccamento al Signore. ...continua a leggere "Mercoledì 3 agosto 2016, San Pietro di Anagni, m 1105"