Vai al contenuto

LA LUCE DI UN FATTO
Il cristianesimo non è religione misteriosa o misterica, da tenere nascosta o riservata. E’ un fatto, una cosa accaduta non soltanto nelle righe della cronaca, ma nello spazio della vita. Si vede e si può raccontare, comunicare, annunciare: Dio è venuto, Gesù Cristo è nato, morto e risorto, si manifesta nel suo Corpo che è la Chiesa, vive nei sacramenti, si annuncia nella Parola, si comunica attraverso la vita di chi lo ama e lo segue. Cresce nella storia del mondo come il sole che sorge al mattino. ...continua a leggere "Lunedì 19 settembre 2016 – San Gennaro vescovo e martire + 305"

SIATE FURBI!!

Gesù fa di tutto per scuoterci. Va a raccontare perfino la storia dell’amministratore imbroglione e scaltro, che si protegge le spalle nel momento in cui il padrone lo mette fuori. Gesù intende dirci: “Usate pure voi la stessa intelligenza che ‘gli altri’ usano per fare il male. Non sprecate i doni che avete, e se c’è qualcosa di malguadagnato, usatelo per fare il bene. Abbiate un unico padrone al quale dovete riferire ogni vostra azione; un unico Signore da amare. Questo farà felici voi e gli altri.” ...continua a leggere "18 Settembre 2016 – XXV domenica del tempo ordinario (anno c)"

A SEMENTE GETTATA

Il seminatore è generoso: getta la semente anche nei terreni inadatti e disordinati. Così è il mondo e così è pure il cuore dell'uomo. Gesù ha seminato e continua a seminare. Il campo del mondo fiorisce a chiazze: qui inaridisce, altrove cresce in abbondanza, tra le singole persone, tra le comunità, nei popoli dell’Oriente e dell’Occidente, del Nord e del Sud del mondo. Quando anche un solo chicco germoglia, è una speranza nuova, per noi e per il mondo intero. Chiediamo la grazia di desiderare e accogliere la semente, e di portare frutto. ...continua a leggere "Sabato 17 settembre 2016 – San Roberto Bellarmino, 1542-1621"

ADDOLORATA

Accanto alla croce di Gesù sta la Madre con alcune donne. Non poteva essere diversamente. Ma quanto dolore! L'amore di Gesù scende dalla croce e abbraccia il mondo attraverso Maria e Giovanni. Gesù estende agli altri la sua croce e raccoglie la croce di tutti. Partecipare come Maria alla croce del Figlio, rende possibile vivere e morire, soffrire e donare. Il dolore umano non è più un rigagnolo che si perde nel terreno o un fiume che dilaga nella città. Diventa una corrente di amore offerta al Padre e condivisa con i fratelli. ...continua a leggere "Giovedì 15 settembre 2016 – Beata Vergine Maria Addolorata"

GESU’ INNALZATO

Gesù innalzato: fin dove? Nell'ascensione viene innalzato alla destra del Padre. Attraverso quale via? La via della croce. Quando Gesù è innalzato in croce, chiunque lo guarda e gli si affida viene salvato, dal buon ladrone fino a tutti gli uomini della terra. Questa festa della Croce innalzata e glorificata, così lontana dal tempo pasquale, trova la sua origine nel reperimento della ‘vera’ Croce di Cristo a Gerusalemme da parte di Elena, madre dell'imperatore Costantino. La Croce si innalza ancora nelle nostre chiese e nelle nostre case come segno e strumento di salvezza. ...continua a leggere "Mercoledì 14 settembre 2016 – Festa dell’Esaltazione della Santa Croce"

IL FIGLIO E LA MADRE
Che cosa accade quando il dolore di una madre incrocia la compassione di Gesù? Quando un figlio morto viene toccato dal Signore? Occorre che ogni dolore, ogni passione, ogni morte incontri il Signore della vita. Ora Gesù, risorto e vivo, cammina su tutte le strade degli uomini e può incontrare ogni madre e ogni padre, ogni figlio e ogni figlia. La sua compassione redime il cuore e salva il corpo; restituisce i figli ai genitori e i genitori ai figli. Avvengono molte ‘risurrezioni’, in modo progressivo: prima l’anima e il cuore, poi l’intera vita. ...continua a leggere "Martedì 13 settembre 2016. San Giovanni Crisostomo 340-407"

 
LA FEDE DEL CENTURIONE

Due volte nel Vangelo i centurioni fanno bella figura. La seconda è il centurione sotto la croce: vedendo Gesù ‘spirare in quel modo’ esclama: ”Veramente quest’uomo era Figlio di Dio”. La prima volta viene raccontata in questo brano. Il centurione è un uomo abituato ad obbedire e a comandare, e su questo misura il rapporto con Gesù. Non pretende che Gesù vada a casa sua, ma si fida che Egli guarisca il servo da lontano! Una fede umile e decisa, che cancella ogni presunzione e si affida alla potenza misericordiosa del Signore. ...continua a leggere "Lunedì 12 settembre 2016 – Santissimo Nome di Maria"

LA CORSA DELLA MISERICORDIA

Da quante parti ci prende il Signore? Gli siamo cari come la pecora al pastore, preziosi come una moneta alla donna, amati come un figlio al padre. Le tre parabole del capitolo quindicesimo del Vangelo di Luca sono il cuore del Vangelo della Misericordia. Sono il cuore del Giubileo. Potremmo essere dispersi come la pecora, smarriti come la moneta, perduti come il figlio prodigo. Lui non ci vuole perdere: viene a cercarci, rovista la casa del mondo e smuove il nostro cuore. Ci scruta da lontano, ci corre incontro. Ci resta solo da accogliere il suo abbraccio. ...continua a leggere "11 settembre 2016 – Domenica XXIV anno C"

UN ALBERO E UNA CASA

Dov'è piantato il nostro albero, dove è radicata la nostra casa? Raggiunti da Cristo nel battesimo e cresciuti nella vita della Chiesa, l’albero di vita può dare frutti e la casa può spalancare porte e finestre. Fin dall’inizio e poi ogni giorno ci viene donata una grazia senza misura: Gesù, con il suo Corpo vivente nella Chiesa, la sua Parola che illumina e riscalda, la sua compagnia che precede e sostiene. Siamo albero e casa: non in terreno solitario, ma nella terra di Dio e sulla roccia di Cristo che è la Chiesa. ...continua a leggere "Sabato 10 settembre, San Nicola da Tolentino 1245 – 1305"

 

SEGUIRE IL MAESTRO

Gesù è veramente un Maestro. Taglia ogni presunzione di chi pretende di camminare in maniera autonoma e non accetta di farsi accompagnare; rimbecca la superbia di chi vede i difetti degli altri senza accorgersi dei propri. Non è bello vivere ripiegati su di sé: provoca tristezza e appesantimento e non produce frutto. Invece, guardando Gesù Maestro e nello stesso tempo guardando coloro che ci fanno strada verso di Lui, la vita prende respiro e possiamo diventare a nostra volta testimoni presso altre persone. ...continua a leggere "Venerdì 9 settembre 2016 – San Pietro Claver, sacerdote 1580-1654"