Vai al contenuto

Vangelo secondo Giovanni 1,35-42

In quel tempo Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.
Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa maestro –, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.

IL FRUSCIO DEL DESIDERIO

È emozionante ogni volta percorrere le righe di questo racconto: talmente è vero, essenziale, concreto. Due amici, che sappiamo essere imbarcati insieme in una piccola società di pescatori, sono andati al fiume dove il profeta Giovanni promette l'imminente arrivo del Messia e invita a penitenza. Si ritrovano all'incrocio esatto della storia, nel momento preciso in cui il Battista segnala la presenza di Gesù come agnello di Dio. Si mettono a camminare dietro Gesù, pur senza avere il coraggio di dichiararsi. Gesù, che cammina avanti, avverte il fruscio del loro desiderio e si rivolge loro con una domanda capitale: "Che cosa cercate?". La risposta dei due esprime il desiderio di venire coinvolti nella sua vita "Maestro, dove abiti?". Gesù replica invitandoli al luogo dove egli abita. I passi dei primi discepoli cambiano la loro vita e segnano l'inizio di ogni altra chiamata e di ogni altra sequela: l'inizio della nostra storia.

Vangelo secondo Marco 1,7-11 

In quel tempo, Giovanni proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».  Ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nàzaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».

UN UOMO NUOVO

Ecco, arriva. Arriva dal buio dei trent’anni di Nazaret, artigiano del paese conosciuto da tutti e senza dubbio benvoluto. Al fiume Giordano il ‘profeta’ Giovanni dichiara di non essere degno nemmeno di fargli da servo. L’uomo Gesù si incanala nella schiera dei peccatori e come loro scende nell’acqua. Come era stato annunciato, agisce come “agnello che assume su di sé i peccati del mondo”.
Il fatto nuovo accade alla riemersione dall’acqua. Dio si coinvolge nella manifestazione della vera identità di Gesù. Con una voce dal cielo, Dio Padre lo proclama Figlio secondo una valenza unica: in ‘questo’ Figlio il Padre può dirsi di fronte al mondo. Gesù viene avvolto dallo Spirito, che lo invade con la sua potenza. L’uomo Gesù viene abilitato di fronte al mondo per professare la Parola di Dio e per esprimere l’opera di salvezza che Egli compie per gli uomini.
Da questo momento, una storia nuova percorre il mondo e una nuova identità viene offerta a tutti.

 

Vangelo secondo Matteo 2,1-12

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”».
Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo».
Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese.

Epifania

 I Magi cercano in cielo la via da percorrere sulla terra. È meraviglioso lo sguardo alle stelle, scoprendo la stella che indica la strada, così come è straordinario guardare la terra a partire dal cielo. Le dimensioni del vivere si precisano quando vengono osservate dalla prospettiva dell'infinito; così pure la direzione da prendere nel percorso della vita.  Ma è ancora più straordinario scoprire che l'infinito è racchiuso in un bambino. Dopo aver indagato l’universo e dopo aver percorso tutte le strade del mondo, negli itinerari attraverso i continenti e i libri e i pensieri, ci fermiamo davanti a un Bambino: in lui Dio viene ad abitare tra gli uomini e si presenta con una promessa di salvezza totale. Giunti a questo punto, riconosciamo che la vera sapienza consiste nel deporre davanti al Bambino le nostre presunzioni e le nostre pretese, adorandolo come Dio, Signore e Salvatore.

 

BUON ANNO 2018 !!!!

Vangelo di Luca 2,16-21
In quel tempo, i pastori andarono senza indugio e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com'era stato detto loro.
Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall'angelo prima di essere concepito nel grembo.

LA MADRE

Il Bambino Gesù viene sempre mostrato dagli evangelisti Luca e Matteo insieme con Maria e Giuseppe, o insieme con Maria, la Madre. Non potrebbe essere altrimenti, ma noi siamo presi quasi dal timore di ‘entrare’ nel rapporto tra Maria e Giuseppe e il Bambino: non come immagini e statue, ma persone reali, con una vita fatta di sentimenti, azioni, impegni, paure e gioie e promesse. Fin dove Maria percepisce che il Figlio stesso di Dio è diventato suo figlio? Scrive in una pagina imprevedibile e sorprendente Sartre: “Ciò che bisognerebbe dipingere sul viso di Maria è uno stupore ansioso che non è apparso che una volta su un viso umano. Poiché il Cristo è il suo bambino, la carne della sua carne e il frutto del suo ventre. L’ha portato per nove mesi e gli darà il seno, e il suo latte diventerà il sangue di Dio. E in certi momenti, la tentazione è così forte che dimentica che è Dio, lo stringe tra le sue braccia e dice: piccolo mio! Ma in altri momenti rimane interdetta e pensa: Dio è qui!...”

Vangelo secondo Luca 2,22-40

Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè, [Maria e Giuseppe] portarono il bambino [Gesù] a Gerusalemme per presentarlo al Signore – come è scritto nella legge del Signore: «Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore» – e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o due giovani colombi, come prescrive la legge del Signore.
Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione d’Israele, e lo Spirito Santo era su di lui. Lo Spirito Santo gli aveva preannunciato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore. Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per fare ciò che la Legge prescriveva a suo riguardo, anch’egli lo accolse tra le braccia e benedisse Dio, dicendo:
«Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo
vada in pace, secondo la tua parola,
perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza,
preparata da te davanti a tutti i popoli:
luce per rivelarti alle genti
e gloria del tuo popolo, Israele».
Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Simeone li benedisse e a Maria, sua madre, disse: «Ecco, egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione – e anche a te una spada trafiggerà l’anima –, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori».
C’era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito sette anni dopo il suo matrimonio, era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme.
Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nàzaret. Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui.

FAMIGLIA IN CAMMINO

La famiglia di Gesù è sempre in cammino. Dapprima compie il lungo viaggio da Nazaret a Betlemme; quindi si reca al tempio a Gerusalemme. Questi passi conducono al riconoscimento dell’identità e del destino del Bambino. Come ogni bambino - ma ben più di ogni bambino - questo figlio è dono di Dio. Gesù è il Figlio Unigenito di Dio Padre, generato dall’eternità, venuto tra noi in missione di salvezza. Giuseppe e Maria accompagneranno poi Gesù in Egitto e a Nazaret. Ogni passo, ogni luogo, ogni gesto esprimono obbedienza e realizzano l’offerta della vita, fino al compimento per le vie della Palestina, sul monte della croce e alla grotta del sepolcro e della risurrezione. Nel riconoscimento dell’origine da Dio e nell’adempimento della missione che il Padre iscrive nel nostro essere, si compie la personalità e si realizza il destino di bene per il quale nasciamo. Sostenendo il cammino del figlio Gesù, Maria e Giuseppe aprono la strada a tutte le famiglie.

25 Dicembre 2017

NATALE DEL SIGNORE

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.
C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva:
«Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

BUON NATALE

Incontrare Dio in un uomo è la sorpresa della vita. C’è chi ha l’ha incontrato attraverso Padre Pio, o don Bosco, o un Papa, Papa Francesco. Ma c'è un salto: incontrare un uomo che è Dio. Limpido come acqua di sorgente, amorevole come una mamma, autorevole come un maestro, intuitivo più di un amico, fedele più di un genitore, compagno di vita più di uno sposo o di una sposa. Dio diventa una presenza nascosta nel grembo di una donna, cresce in lei e ne cambia l’aspetto; nasce con un pianto liberante e respira l'aria del mondo in una grotta di animali. Totalmente affidato a una madre e a un padre e riconosciuto da persone estranee. L'eco, la sorpresa, il fascino di questo avvenimento scuotono la terra, percorrono le strade della storia, toccano la vita di uomini e donne, raggiunti nelle loro ferite, nel desidero di bellezza, nell’aspirazione di bontà, verità, amore. Ogni anno, ogni giorno spunta nuovamente il Natale.

Omelia della Notte di NATALE 2017

Vangelo secondo Marco 1,1-8

Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio.
Come sta scritto nel profeta Isaìa:
«Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero:
egli preparerà la tua via.
Voce di uno che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri»,
vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati.
Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.
Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

LA GRAZIA DELL’ATTESA

Giovanni Battista: lo aspettavamo! Non c’è Avvento senza il grido del Battista, come non c’è Avvento senza la festa dell’Immacolata. Maria e Giovanni Battista sono le due persone che più hanno atteso, preparato, annunciato la prima venuta e che - a loro volta - sono state preparate e lanciate per questa missione.
Oggi, dove possiamo riconoscere la voce di Giovanni Battista? Chi ci grida ancora di ‘preparare la via del Signore, e di raddrizzare i sentieri’ per i quali Egli ha scelto di passare? Chi ci richiama con la medesima attesa e trepidazione di Maria, con la sua fede e il suo amore? C’è ancora un amico, una compagnia di amici, una comunità, una Chiesa che ci sospinge e ci accompagna ad attendere Cristo? Qualcuno capace di attraversare la nostra distrazione e la nostra dispersione e di richiamarci alla domanda vera, indirizzandola a riconoscere Colui che viene? Quando questo accade, è una vera grazia, da non perdere.

Nella festa della sua Immacolata Concezione, Maria convoca i cristiani vicino a Gesù. Portiamole un fiore, un fiore da giardino o un fiore del cuore….

Vangelo secondo Luca 1,26-38

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

“SE’ DI SPERANZA FONTANA VIVACE”

L'Angelo Gabriele non ha le ali e non si può immaginare come si è fatto vedere da Maria. Ma possiamo ben leggere il racconto di Luca tenendo sotto gli occhi l'Annunciazione del Beato Angelico, che ha inserito la scena nell'atmosfera di un nuovo Paradiso terrestre raffigurato come un giardino fiorito.

Attraverso Maria, Dio comincia da capo e inaugura la nuova creazione. Maria è la nuova Eva, predisposta a non cedere al frutto proibito e a donare Gesù, nuovo Adamo, frutto benedetto del suo grembo. L'Immacolata Concezione è una risalita alla sorgente pura dell'umanità che sgorga dal cuore di Dio. Possiamo rinascere dall'acqua e dallo Spirito, possiamo percorrere la storia facendola nuova e buona. Con Maria, Donna concepita e vissuta senza peccato, cioè Immacolata, una fontana vivace di speranza viene a sgorgare e a scorrere qui tra i mortali.

 

 

BUON AVVENTO !!!

Vangelo secondo Marco 13,33-37

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare.
Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati.
Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».

L’ATTESA E LA VENUTA

L'Avvento è stagione dell'anima. Attendiamo sempre 'qualcosa' che manca alla vita. Si tratti di quel disagio indefinito che agita il cuore, o di un bisogno specifico riguardante la salute, i figli, o chissacosa. L'Avvento è una stagione attiva; occorre preparare, predisporre, andare incontro a quanto attendiamo.
La risposta alla nostra attesa accade attraverso una storia nella quale Dio stesso è entrato come protagonista. Non basta la risposta di una storia puramente umana, fatta di rivoluzioni o di poteri che promettono un futuro migliore, che poi si rivela ingannevole e disperso.
L'Avvento apre la storia cristiana con l'attesa dell’antico popolo ebreo. L’Avvento prosegue anche dopo la venuta del Messia: attendiamo oggi Colui che è venuto nel primo Natale del mondo.
Il tempo segnato dalla liturgia raccoglie tutta l'attesa umana e la conduce all'incontro con Colui che è venuto e che verrà. L'Avvento è una promessa che rincuora: esiste una risposta all’attesa, viene un Salvatore per la nostra vita e per la vita di tutti.

Vangelo secondo Matteo 25,31-46

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria. Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, e porrà le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra.
Allora il re dirà a quelli che saranno alla sua destra: “Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi”.
Allora i giusti gli risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?”. E il re risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.
Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: “Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato”.
Anch’essi allora risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?”. Allora egli risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l’avete fatto a me”.
E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna».

LA STRADA DELLA CARITA’

La lavagna dei buoni e cattivi ce la saremmo aspettata, poiché il senso di giustizia che abita il nostro cuore ci induce a credere che il tribunale divino valuti con giusta misura il bene e il male. Quello che non ci saremmo aspettato è che Gesù si identifica con le persone con le quali veniamo in contatto nella vita, in particolare le più bisognose. Arriviamo con facilità a riconoscere Gesù presente nell'Eucaristia e negli altri sacramenti. Ma come è possibile riconoscerlo presente nel prossimo? Una strada per arrivarci è quella che percorre le orme dei Santi e di tanti uomini e donne che hanno vissuto la carità. Questa strada va dagli Atti degli Apostoli alle lettere di San Paolo, da San Francesco a San Vincenzo De' Paoli, da Madre Teresa alle innumerevoli opere realizzate in tutta la storia della Chiesa e in particolare negli ultimi due-tre secoli. La strada regale della carità è sempre aperta, e molti cristiani e uomini di buona volontà ancora la percorrono.