Vai al contenuto

Vangelo secondo Marco 9,30-37

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse. Insegnava infatti ai suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma, una volta ucciso, dopo tre giorni risorgerà». Essi però non capivano queste parole e avevano timore di interrogarlo.
Giunsero a Cafàrnao. Quando fu in casa, chiese loro: «Di che cosa stavate discutendo per la strada?». Ed essi tacevano. Per la strada infatti avevano discusso tra loro chi fosse più grande. Sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti».
E, preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: «Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato».

PERCHE’ SEGUIRE?

Dove va questa piccola carovana di persone che attraversa la Galilea? Dodici uomini camminano dietro ad uno che considerano Maestro e che hanno già intuito essere colui che realizza le attese dell'intero popolo d'Israele. Nella loro mente girano nuovi pensieri e nei dialoghi furtivi, di nascosto dal capo, contrattano la posizione che occuperanno nel nuovo regno. Chi sarà il primo? Chi è il migliore? Chi si fa avanti? Alcune delle parole che Gesù pronuncia rimangono per loro incomprensibili, come un discorso astratto. Cos'è, chi è questo Figlio dell'uomo che viene preso e ucciso e poi risorge? Cosa vuol dire risorgere? Arrivati in paese, Gesù siede su un rialzo in una piazzetta dove i bambini stanno giocando. Ne chiama uno, lo mette in mezzo e davanti a tutti dice che devono diventare come lui, con quel che viene dopo. Gesù parla attraverso le azioni. Ci vorrà un'azione ben più esplicita e decisiva perché coloro che gli vanno dietro, vedano e comprendano e finalmente seguano il loro Maestro e Signore.

Chiede Gesù: Chi sono io per te? Da questa risposta dipende non solo il tuo cristianesimo, ma la tua felicità...
Vangelo secondo Marco 8,27-35
 
In quel tempo, Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti».
Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.
E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto, ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere.
Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».
Convocata la folla insieme ai suoi discepoli, disse loro: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà».
 
CRISTIANI IN TRE PASSAGGI
 
Ci sono tre passaggi in questo episodio del Vangelo. Il primo è la mini-inchiesta di Gesù sul riconoscimento della sua identità, con l’essenziale risposta di Pietro che continua a risuonare nella Chiesa e trova conferma nei papi che succedono al capo degli apostoli. Il secondo è l'annuncio della passione, fatto da Gesù stesso. Il terzo è la reazione di Pietro e la decisa controreplica di Gesù, che invita i discepoli a percorrere il suo stesso cammino.
Questi tre passaggi vengono puntualmente replicati nella vita del cristiano. Dapprima avviene un incontro che entusiasma per la scoperta del Messia Salvatore. Di seguito ci si scontra con lo scandalo della croce, che sconcerta e scoraggia. A questo livello siamo chiamati a un cambiamento decisivo di prospettiva, che si apre finalmente a una sequela vera e docile. Si diventa cristiani secondo Cristo e non secondo se stessi, accettando di perdere la propria vita 'per causa sua e del Vangelo'. Questo è l'unico modo – secondo Gesù - per realizzare se stessi.

Ci apre gli orecchi e ci scioglie la lingua perché lo ascoltiamo e parliamo con Lui: così Gesù fa anche con noi. Succede anche oggi nella Messa.

Vangelo secondo Marco 7,31-37

In quel tempo, Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidòne, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli.
Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente.
E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».

INTERLOCUTORI DI DIO

La semplicità e la concretezza dei gesti che Gesù compie sul sordomuto rimangono impressi nella nostra fantasia; gli stessi gesti vengono ripresi nelle azioni sacramentali della Chiesa. La salvezza di Gesù non è un fatto puramente interiore o strettamente spirituale, ma tocca il corpo e ne riabilita le funzioni. Questo fatto del Vangelo rende visibile la voce e la mano di Dio creatore, che nel gesto di Gesù viene a ricostruire l’uomo nella sua integrità. Dio guarda la sua opera ridiventata perfetta, e nuovamente capace di rapportarsi con lui, come Mosè che nella tenda del convegno si intratteneva con Dio 'come un uomo parla con un altro uomo’. Con il dono dell’udito e della parola, possiamo dunque ascoltare e interrogare, come un discepolo con il maestro, come un figlio con il padre. Arriveremo allora a rivolgere una parola vera anche ai nostri fratelli, e a compiere i gesti di carità e di amicizia che ne seguiranno. Infine, potremo raccontare a tutti le opere meravigliose di Dio.

Vangelo secondo Marco 7,1-8.14-15.21-23

In quel tempo, si riunirono attorno a Gesù i farisei e alcuni degli scribi, venuti da Gerusalemme.
Avendo visto che alcuni dei suoi discepoli prendevano cibo con mani impure, cioè non lavate – i farisei infatti e tutti i Giudei non mangiano se non si sono lavati accuratamente le mani, attenendosi alla tradizione degli antichi e, tornando dal mercato, non mangiano senza aver fatto le abluzioni, e osservano molte altre cose per tradizione, come lavature di bicchieri, di stoviglie, di oggetti di rame e di letti –, quei farisei e scribi lo interrogarono: «Perché i tuoi discepoli non si comportano secondo la tradizione degli antichi, ma prendono cibo con mani impure?».
Ed egli rispose loro: «Bene ha profetato Isaìa di voi, ipocriti, come sta scritto:
“Questo popolo mi onora con le labbra,
ma il suo cuore è lontano da me.
Invano mi rendono culto,
insegnando dottrine che sono precetti di uomini”.
Trascurando il comandamento di Dio, voi osservate la tradizione degli uomini».
Chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro». E diceva [ai suoi discepoli]: «Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo».

UNA RELIGIONE DI VITA

La concretezza e la vivacità del Vangelo di Marco - che ritorna dopo l'intenso percorso con il Vangelo di Giovanni nel mese di agosto - quasi ci sconcerta. Gesù scavalca le formalità religiose e va dritto al cuore dell'uomo e alla sua esperienza di vita. Non ci si salva con le pratiche esteriori; le mani pulite non garantiscono un cuore puro; non esistono cose materiali in se stesse cattive. Solo dal cuore dell'uomo nascono propositi perversi e azioni malvagie, che danneggiano la persona e corrompono il mondo.
La presa di posizione di Gesù sovverte l'ordine religioso come normalmente viene raffigurato e introduce una concezione di religione come vita e come moralità.
La religione cristiana, cioè il rapporto con Dio attraverso Gesù, conduce a cambiare il rapporto con la realtà, trasformando il cuore dell'uomo e le sue azioni. Gesù è venuto nel mondo non per impiantare una nuova struttura religiosa, ma per rendere il cuore capace di bene e risanare il mondo. Occorre dunque lasciarsi incontrare dalla grazia della sua misericordia per essere liberati dal male e venire sospinti al bene.

Vangelo secondo Giovanni 6,60-69

In quel tempo, molti dei discepoli di Gesù, dopo aver ascoltato, dissero: «Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?».
Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: «Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono».
Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre».
Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui.
Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».

DA CHI ANDREMO?

Arriva il momento in cui bisogna decidere. Decidere di sposarsi - come si usava un tempo -; decidere una scelta di vita, di lavoro, di posizione umana. Ciascuno ricorda tempi, momenti, decisioni che hanno determinato il corso della sua vita. La decisione - assai spesso - non avviene appena di fronte alla propria anima, ma spunta per la provocazione di un interlocutore autorevole. Così avviene in questo Vangelo. Gli apostoli, insieme con la gente che era andata a cercare Gesù dopo la moltiplicazione dei pani, avevano ascoltato parole 'di vita eterna', parole 'in vetta', che era impossibile capire all'istante. Era necessario fidarsi di Gesù e continuare a stare con Lui fino al momento in cui sarebbe stato possibile vedere realizzata la sua promessa. Pietro fa il salto. Parlando al plurale e quindi anche a nome dei suoi amici, Pietro accoglie Gesù e gli consegna la sua decisione e il suo cuore e la decisione e il cuore degli amici. A suo tempo potranno sperimentare nei fatti che non c'è niente di meglio nella vita.

Vangelo secondo Giovanni 6,51-58

In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».
Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?».
Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda.
Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me.
Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno».

CARNE E SANGUE

Un cristianesimo di carne e sangue, di cibo e bevanda. Mangiare la carne e bere il sangue di Cristo è il modo per rimanere in Lui e avere la vita eterna.
E dunque, primariamente il cristianesimo non consiste nel conoscere e nel ragionare, nel filosofare e nel teologare. Non consiste nemmeno nelle opere che ne conseguono. Cristo ci incontra e ci fa vivere attraverso il gesto semplice e primario del mangiare e del bere, che appartiene ad ogni uomo e che costituisce una inevitabile condizione per vivere.
C'è tuttavia un salto sorprendente. Non si tratta di un mangiare qualsiasi; non è come i pranzi rituali che caratterizzano molte forme religiose. Gesù invita a mangiare il suo corpo e a bere il suo sangue. Lui stesso trova la modalità attraverso la quale questo si possa realizzare. Nell’ultima cena, Gesù dona agli apostoli il pane che ‘è’ il suo corpo e il vino che ‘è’ il suo sangue, e raccomanda loro di ripetere quel gesto ‘in sua memoria’.
Da duemila anni i cristiani si fidano della parola di Gesù, mangiamo ‘questo pane’ e accolgono la promessa di ‘vivere in eterno’.

Vangelo secondo Luca 1, 39-56

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
Allora Maria disse:
«L'anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l'umiltà della sua serva.
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente
e Santo è il suo nome;
di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva detto ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, per sempre».
Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.

L'ALBA DEL MONDO NUOVO

Nelle albe d’estate vediamo sorgere dal mare la luce del mattino. Accade ogni giorno, anche quando striature di nubi ricoprono di un velo i raggi del sole.
All'orizzonte della storia, i cristiani hanno individuato in Maria l'alba del mondo nuovo illuminato dal sole di Cristo. Nel percorso della sua vita, Maria è accanto a Cristo, bambino, maestro d'Israele, Messia crocifisso e risorto. Partecipa della sua missione, del suo dramma, del suo mistero. Gesù percorre la vita umana e la porta a compimento nella risurrezione e ascensione al cielo.
In questo cammino che per tutti si compirà con la risurrezione dei morti, Maria è la prima. La sua Assunzione al cielo in anima e corpo è un anticipo e una promessa; diventa per l’umanità intera segno di speranza, come la prima fioritura nel giardino di Dio.
Guardando Maria Assunta, diventiamo certi del nostro destino buono, lieti ogni mattino di intravvedere il primo sorgere del sole che illumina le nostre giornate.

Vangelo secondo Giovanni 6,41-51

In quel tempo, i Giudei si misero a mormorare contro Gesù perché aveva detto: «Io sono il pane disceso dal cielo». E dicevano: «Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire: “Sono disceso dal cielo”?».
Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.
Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia.
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».

ISTRUITI DALL’ALTO

Gesù squarcia l'orizzonte e straccia tutte le misure. Egli non è solo l'uomo di Nazaret di cui conosciamo l'origine e la storia. Come la manna, Egli discende dal cielo, anzi da Colui che abita il cielo, il Padre. Per andare a lui e ritrovare la sua vera identità occorre che il Padre ci attiri e ci istruisca. Non bastano i nostri libri di storia e di filosofia, non bastano il nostro cervello e i nostri ragionamenti. Occorre che ci vengano donati una nuova mente e un cuore nuovo; occorre che ci vengano aperti gli occhi, così da vedere un mondo nuovo. La fede ci spalanca a un altro livello conoscenza, e ci introduce in un percorso di nuova vita, che non si lascia impaurire né bloccare dalla morte terrena.
Le parole di Gesù fanno saltare tutte le pretese di raggiungere da soli la verità e la pienezza della vita. Accogliendo e vivendo quello che Gesù ci comunica, veniamo introdotti a mangiare il pane vivo e a riconoscere Colui che dà la vita. Chi non lo vorrebbe?

5 agosto 2018 - Domenica XVIII anno B

 

Vangelo secondo Giovanni 6,24-35

Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, quando la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: «Rabbì, quando sei venuto qua?».
Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo».
Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?». Gesù rispose loro: «Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato».
Allora gli dissero: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: “Diede loro da mangiare un pane dal cielo”». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo».
Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane». Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».

UN PASSAGGIO DI LA' DAL MARE

Dopo il miracolo dei pani e pesci moltiplicati, tutto il pane che abbiamo non ci basta ancora per vivere. Dio fa un’opera più grande: ci manda il suo Figlio Gesù. Cristo è il vero pane che sazia la nostra fame, il nostro desiderio di vita e di felicità. Andare a Lui e credere in Lui, è la nostra salvezza. Tutta la vita, e quindi anche il tempo dell’estate e della vacanza, diventi occasione per incontrare Gesù nelle cose, nelle persone, nella Chiesa, nel mondo.  La folla insegue Gesù dopo aver mangiato i pani e i pesci del miracolo, perché nessuno vuole perdere un uomo così. Gesù va 'di là dal mare'. Non è solo un passaggio da un luogo all'altro, ma l’apertura su un altro orizzonte. Nemmeno i pani e i pesci in abbondanza esauriscono la portata dei bisogni umani. Ed ecco la virata di Gesù, il quale dichiara apertamente che i pani e i pesci sono un segno per scoprire il  bisogno più profondo e introdurre a desiderare la risposta compiuta. C'è dunque un altro pane da mangiare e un'altra opera da compiere. Dio stesso ha fatto la sua parte: ha mandato a noi il suo figlio. L'opera nostra è credere al Figlio che ci è stato donato e che si è svelato proprio attraverso il miracolo dei pani e dei pesci. E’ lui dunque, Gesù stesso, il pane che fa vivere. Credere in Lui e accoglierlo, è la risposta alla nostra fame e sete. Quale passaggio resta da fare per accogliere Colui che risponde a tutta la nostra fame e sete?

 

Vangelo secondo Giovanni 6,1-15

In quel tempo, Gesù passò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei.
Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere. Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo».
Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: «C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cos’è questo per tanta gente?». Rispose Gesù: «Fateli sedere». C’era molta erba in quel luogo. Si misero dunque a sedere ed erano circa cinquemila uomini.
Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede a quelli che erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, quanto ne volevano.
E quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto». Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d’orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato.
Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, diceva: «Questi è davvero il profeta, colui che viene nel mondo!». Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo.

UN MIRACOLO 'IN PROGRESS'

Ce lo godiamo il racconto di questo miracolo, fascinoso e famoso. La folla che segue Gesù, la distesa di erba, la domanda di Gesù, quasi un trabocchetto che Filippo tenta di evitare; il ragazzo con il cestello ben fornito; e finalmente la fantastica distribuzione del pane a tutti, con la raccolta finale dei pezzi avanzati: una meraviglia! Uno spettacolo da godersela. Fossimo una delle 5000 e più persone che ne sono state partecipi, che cosa ci verrebbe da pensare? Quest'uomo teniamocelo, riconosciamolo come profeta mandato da Dio, facciamolo re. A una religione così, con pane e companatico pronti, non è il caso di sottrarci. È Gesù invece a sottrarsi. La sua fuga offrirà l'occasione di un salto decisivo, per i discepoli e per la folla. Vedremo dunque dove ci conduce Gesù, nel percorso che la liturgia ci porterà a fare per tutte le domeniche di Agosto, fino alla sorprendente conclusione.