Vai al contenuto

La trovi sul sito www.vatican.va

Cerca una buona sintesi nel sito di TRACCE.it

Ecco una sintesi ripresa da La nuova bussola quotidiana

Esortazione apostolica "Amoris laetitia": L’enciclopedia di papa Francesco sulla famiglia                                          

di Massimo Introvigne 08-04-2016

È stata pubblicata l'8 aprile l'esortazione apostolica post-sinodale sull'amore nella famiglia Amoris laetitia, formalmente datata 19  marzo 2016, Festa di San  Giuseppe, che fa seguito ai due Sinodi sulla famiglia del 2014  e  2015 e consta di nove capitoli, 325 paragrafi e 264 pagine complessive. Prima di provare a presentare questo testo enciclopedico, va premessa obbligatoriamente un'osservazione.  ...continua a leggere "AMORIS LAETITIA"

"Gesù  è  entrato nella storia, PERCHÉ  CIASCUNO DI NOI POSSA FARE L'ESPERIENZA DI PIETRO, zoppicando, tradendo come lui, MA ATTACCANDOSI SEMPRE DI PIÙ,  vedendo crescere quel filo di tenerezza, di adesione e di stima, fino a dire:                 "NON SO COME,O CRISTO, MA TUTTA LA MIA SIMPATIA UMANA È  PER TE".                 Cristo è  entrato nella storia per ridestare tutto  il nostro io, tutto il nostro cuore, la nostra simpatia umana per Lui, perché POSSIAMO VIVERE LA VITA PIENI DELLA SUA PRESENZA E LA GIOIA DELLA SUA PRESENZA COMINCI A INVADERE LA NOSTRA VITA."

don Carron

«Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?»

DAL BATTESIMO ALL’EUCARISTIA

Un salto da un punto all’altro del Vangelo, un passaggio nella vita cristiana. Il lungo racconto di Nicodemo si concentrava sulla nascita dall'alto, con riferimento al Battesimo. Ora l’inizio del capitolo sesto del Vangelo di Giovanni ci conduce sul monte, dove Gesù moltiplica i pani. Da qui inizia la promessa del dono del suo corpo e sangue. Ogni dono di Dio - quindi anche il miracolo del pane moltiplicato - non soddisfa pienamente le nostre esigenze. Infatti ogni dono è segno: rimanda a quel di più che diventa vera risposta alla nostra fame e sete. ...continua a leggere "Venerdì 8 aprile 2016, Sant’Amanzio, vescovo di Como, sec V"

Per sei volte viene ripetuto che lo scoth[10]rrere del tempo non ci fa scivolare ‘dopo’ Pasqua, ma ci conduce a vivere un seguito ininterrotto di domeniche ‘di’ Pasqua. Una Pasqua continu
a, che non smetterà nemmeno nei prossimi mesi e nei prossimi anni perché, dal primo mattino di Pasqua e dal meriggio dell’Ascensione, Gesù rimane vivo e presente nel tempo. E’ impressionante crederlo sul serio. E’ impressionante leggere nei Vangeli delle domeniche di Pasqua gli avvenimenti che le percorrono. Gesù appare agli apostoli, alle donne e ad altri discepoli: lo vedono e lo toccano, eppure è sfuggente, come chi appartiene a un altro mondo. Gesù si propone come pastore che conduce e custodisce; vite alla quale siamo attaccati come tralci.

Da 'La Traversata' Ed Itaca 2015, p. 64

Siti

"Il Padre ama il Figlio e gli ha dato in mano ogni cosa.

"DAL FIGLIO AL PADRE
C’è tutto l’evangelista Giovanni e tutto il suo Vangelo in queste poche righe. Gesù dichiara la sua identità: Egli è colui che viene dall’alto, dal cielo, per comunicare le azioni e le parole del Padre e donare il suo Spirito. La vita terrena di Gesù e tutta la sua opera esprimono il volto e l’opera di Dio. Possiamo sottrarci a questa abbondanza di vita? Vorrebbe dire perdersi ed entrare nell’ombra della morte. Conviene desiderare fortemente e domandare continuamente di stare con Gesù, il Figlio che rivela il Padre e ci conduce a Lui.  ...continua a leggere "Giovedì 7 aprile 2016 – San Giovanni Battista de La Salle, 1651-1719"

 

Giorni fa stavo andando a caritativa, che dista più o meno venti minuti dall’università in cui studio. Ero in automobile. A un certo punto, mi ferma la polizia per i soliti controlli. Il poliziotto che viene a chiedermi i documenti era arrabbiatissimo, veramente infastidito anche solo dai due secondi che ci mettevo a prendere la carta d’identità. Mi mancava un foglio che dovevo avere, per cui chiamo mio papà tutta preoccupata per chiedergli cosa fare. Nel frattempo il poliziotto si allontana, allora esco dalla macchina, vado verso di lui e cerco di spiegargli la situazione. Mi dice: «Va bene signorina. Non mi faccia più perdere tempo, adesso compiliamo questo modulo». Quindi mi comincia a fare delle domande su dove abito eccetera. Ma a un certo punto, dopo avermi chiesto la residenza e il codice fiscale, mi dice: «Scusi, devo farle una domanda». «Faccia pure». «Ma lei è religiosa?» Io sono rimasta sconvolta da questa domanda e gli rispondo: «Sì». «Ma religiosa di cosa? Cattolica?». «Sì, sono cattolica». Si gira verso l’altro collega e gli dice: «Te l’avevo detto. Questa ragazza – vedi? – ha una faccia proprio bella, pulita, è troppo vera. Si vede che è religiosa». ...continua a leggere "Ma lei è cattolica?"

"Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito"

L’ATTRATTIVA DELLA LUCE

A Nicodemo, uomo schivo e intelligente, Gesù dice cose grandi: Dio ha amato gli uomini fino a ‘dare’ il suo proprio Figlio, Gesù stesso. Noi che abbiamo davanti agli occhi il Crocifisso e il Risorto, sappiamo cosa ha voluto dire. Dio ha fatto questo per recuperare gli uomini dalla perdizione e condanna, dalle tenebre e dal buio della vita. La luce è un punto di attrattiva capace di richiamare chi vuole vivere, bambino o anziano, semplice o sapiente. Possiamo sperare che la luce sia così potente da attrarre anche i malvagi? ...continua a leggere "Mercoledì 6 aprile 2016 – Beata Pierina Morosini 1931-1957"

La vita nuova della risurrezione, come ci viene comunicata? Nicodemo va a trovare Gesù di notte: un dialogo che apre alla luce. A poco a poco Gesù svela al ‘maestro d’Israele’ un nuovo sentiero di vita. Non è solo una dottrina da conoscere, ma un passaggio di vita, che per primo è stato percorso da Gesù stesso: Egli, disceso dal cielo, sarà innalzato. Innalzato dove? Fino al cielo, dal quale viene; ma passando attraverso l’innalzamento della croce. Chi crede nel Figlio dell’uomo fa lo stesso percorso, e ottiene la pienezza della vita. ...continua a leggere "Martedì 5 aprile 2016 – San Vincenzo Ferrer 1350-1419 – “Gesù disse a Nicodèmo…”"

"...Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù."

L’INIZIO

Usciti dal grande portale della settimana di Pasqua, entriamo con l’Angelo Gabriele nella casa di Nazaret, dove incontriamo Maria. Il mistero cristiano ci riporta all’inizio, lì dove tutto è cominciato sulla terra degli uomini. Il saluto semplice e solenne dell’Angelo e un’indicazione precisa: “Concepirai”. Maria partecipa con intelligenza, e aderisce con piena libertà. Tutta la storia parte da qui: quella di Cristo e di quanti l’hanno seguito; quella nostra e di tanti altri con noi e dopo di noi. Che cosa accade quando una persona si consegna pienamente nelle mani di Dio?

...continua a leggere "Lunedì 4 aprile 2016 – Annunciazione del Signore"