Vai al contenuto

Vangelo secondo Luca 17,11-19

In quel tempo, Gesù disse: Come avvenne nei giorni di Noè, così sarà nei giorni del Figlio dell'uomo: mangiavano, bevevano, prendevano moglie, prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell'arca e venne il diluvio e li fece morire tutti. Come avvenne anche nei giorni di Lot: mangiavano, bevevano, compravano, vendevano, piantavano, costruivano; ma, nel giorno in cui Lot uscì da Sòdoma, piovve fuoco e zolfo dal cielo e li fece morire tutti. Così accadrà nel giorno in cui il Figlio dell'uomo si manifesterà. In quel giorno, chi si troverà sulla terrazza e avrà lasciato le sue cose in casa, non scenda a prenderle; così, chi si troverà nel campo, non torni indietro. Ricordatevi della moglie di Lot. Chi cercherà di salvare la propria vita, la perderà; ma chi la perderà, la manterrà viva. Io vi dico: in quella notte, due si troveranno nello stesso letto: l'uno verrà portato via e l'altro lasciato; due donne staranno a macinare nello stesso luogo: l'una verrà portata via e l'altra lasciata». Allora gli chiesero: «Dove, Signore?». Ed egli disse loro: «Dove sarà il cadavere, lì si raduneranno insieme anche gli avvoltoi”.

UN ATTIMO DI ATTESA

Mangiare, bere, metter su casa, divertirsi, basta alla nostra vita? Giunti all’ultima riva del mare, è finito il nostro viaggio? L’orizzonte infinito è davanti a noi, l’attrattiva di un’avventura più grande ci inquieta. L’istante di ogni giorno vive l’imminenza di un’attesa che non vuole rivoltarsi in una minaccia. L’istante è proteso a riconoscere il volto del Figlio dell’Uomo, nel giorno ultimo nel quale egli si manifesterà: potremo riconoscerLo se siamo familiari con lui nello scorrere di questo giorno e dei giorni che seguono.

Vangelo secondo Luca 17,11-19

In quel tempo, i farisei domandarono a Gesù: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l'attenzione,e nessuno dirà: «Eccolo qui», oppure: «Eccolo là». Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!».
Disse poi ai discepoli: «Verranno giorni in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell'uomo, ma non lo vedrete. Vi diranno: «Eccolo là», oppure: «Eccolo qui»; non andateci, non seguiteli. Perché come la folgore, guizzando, brilla da un capo all'altro del cielo, così sarà il Figlio dell'uomo nel suo giorno. Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione.

ULTIME PREVISIONI

Quanto saremmo disposti a pagare per le previsioni sul futuro? Poter prevedere con sicurezza una vincita d’azzardo, una riuscita strabiliante, un successo straordinario, quanto accenderebbe il nostro entusiasmo e nello stesso tempo darebbe la stura alla nostra inquietudine? Gesù calma tutte le false attese, e invita a percorrere pazientemente la via del tempo dietro a lui, passando per tutte le circostanze della vita e i tornanti della storia, compresi i passi della croce, che conducono inevitabilmente al tempo nuovo della risurrezione.

Vangelo secondo Luca 17,11-19

Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea.
Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati.
Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano.
Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!».

LA GRATITUDINE DELLA FEDE

E’ bella ed esaltante la guarigione fisica: ridona vita ed entusiasmo. Ma c’è da rammaricarsi per i nove lebbrosi che non hanno colto l’occasione grande della loro vita, quella di riconoscere Gesù come Salvatore. La gratitudine apre il cuore e permette di riconoscere non solo il dono ricevuto, ma il donatore stesso. Il dono – in questo caso la salute, così come ogni altro bene – si esaurisce. La gratitudine, che conduce alla scoperta del Donatore, esalta la vita e apre alla salvezza totale.

Vangelo secondo Luca 17,7-10

In quel tempo, Gesù disse:
«Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, strìngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti?
Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”».

PRESI A SERVIZIO

Gesù, che si è fatto servo per noi, taglia ogni presunzione e orgoglio. Il vanto per le cose fatte e per le imprese compiute suscita antipatia in chi ascolta, e ci rende tristi di fronte a noi stessi. Ci basta la buona coscienza di aver compiuto il nostro dovere, in modo non formale, ma come risposta al bene ricevuto: risposta e responsabilità nei riguardi di chi ci ‘ha presi a servizio’: il Signore Dio che tutto dona, e porta a compimento il nostro destino.

Vangelo secondo Luca 17,1-6

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«È inevitabile che vengano scandali, ma guai a colui a causa del quale vengono. È meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno di questi piccoli. State attenti a voi stessi!
Se il tuo fratello commetterà una colpa, rimproveralo; ma se si pentirà, perdonagli. E se commetterà una colpa sette volte al giorno contro di te e sette volte ritornerà a te dicendo: “Sono pentito”, tu gli perdonerai».
Gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!». Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe».

LA FORZA DELLA FEDE

Gesù è consapevole della miseria umana e condanna con decisione soprattutto quel male che tende a diffondersi, dando scandalo ai fratelli. Egli ci sospinge al perdono, perché proprio il perdono dato e ricevuto apre la strada al ravvedimento e diventa strumento di redenzione. Chi è capace di questo? E’ una capacità che viene da Dio. La fede – cioè il rapporto vivo con il Signore Gesù presente nella vita - crea le condizioni per vincere il male, donandoci la grazia necessaria.

Vangelo secondo Marco 12,38-44

In quel tempo, Gesù [nel tempio] diceva alla folla nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa».
Seduto di fronte al tesoro, osservava come la folla vi gettava monete. Tanti ricchi ne gettavano molte. Ma, venuta una vedova povera, vi gettò due monetine, che fanno un soldo.
Allora, chiamati a sé i suoi discepoli, disse loro: «In verità io vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. Tutti infatti hanno gettato parte del loro superfluo. Lei invece, nella sua miseria, vi ha gettato tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere».

UN CUORE LIBERO

Il tintinnio delle due monetine della vedova lo avverte solo Gesù. Egli raggiunge il cuore della donna, la quale non offre al tempio appena il denaro, ma la sua stessa vita. Questo gesto trova riscontro nella vita di tutti coloro che si consacrano a Dio con il voto di povertà, e anche nella vita di tante persone che non si lasciano sommergere dal conteggio dei soldi e dalla pesantezza delle preoccupazioni e dei fastidi, ma confidano nel Signore. Chi riconosce di essere amato accoglie ogni giornata come un dono nuovo e cammina nella libertà di una speranza fiduciosa. Taglia le ali alla tentazione di arrivismo e alla pretesa di dominare tutte le situazioni, evita di sgomitare e accetta di lavorare anche in sott’ordine. Per vivere così non sono necessari particolari propositi e programmi di umiltà. Basta accogliere le circostanze della vita con il cuore affidato al Padre che è nei cieli e al Figlio che ci accompagna sulla terra, mentre il suo Spirito apre la via di una responsabilità piena e serena.

Nel corso della Serata sacerdotale condotta da don Tino Rolfi e trasmessa ogni giovedì sera dalle ore 21 a Radio Maria, sono stato invitato a presentare alcuni dei miei libri. Un'esperienza vivace e interessante che potrebbe continuare.

La Traversata. Sulle onde dell’anno liturgico, Edizioni Itaca 26/07/2018

Camminare sull’acqua, Alla scoperta della novità cristiana,                                        Edizioni San Paolo                                                             09/09/2018

Teologia dalla strada, Edizioni Marietti 1820             23/09/2018

Vita da prete (prima parte) Edizioni Ancora               11/10/2018

Vita da prete (seconda parte) Edizioni Ancora           18/10/2018

L'isola che c'è (prima parte) Edizioni Il Leggio, Sottomarina           25/10/2018

 

L'isola che c'è (seconda parte) Edizioni Il Leggio, Sottomarina      08/11/2018

        

Vangelo secondo Luca 16,9-15

In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli: «Fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.
Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?
Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».
I farisei, che erano attaccati al denaro, ascoltavano tutte queste cose e si facevano beffe di lui. Egli disse loro: «Voi siete quelli che si ritengono giusti davanti agli uomini, ma Dio conosce i vostri cuori: ciò che fra gli uomini viene esaltato, davanti a Dio è cosa abominevole».

LIBERI E VIGILI

Le parole di Gesù scuotono e sconcertano. Egli ci vuole desti, vigili, attenti al nostro destino, nella ricerca della vera ricchezza e nel buon uso di quello che possediamo. Gesù libera la strada della vita, sgombrandola da inutili pesi e false preoccupazioni, e soprattutto da propositi di male. E’ bello camminare con cuore libero, non appesantito da interessi e partigianerie, non inchiodato nei propri programmi e nelle proprie fissazioni, ma libero per accoglierei il Signore che ci viene incontro con la sua Provvidenza.